Studente MEDICI, CECILIA
Facoltà/Dipartimento Dipartimento Ingegneria Civile, Edile e dell'Architettura
Corso di studio INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA
Anno Accademico 2019
Data dell'esame finale 2021-02-17
Titolo italiano Recupero e valorizzazione degli scarti di lavorazione del marmo come aggregati e filler in conglomerati con leganti a matrice organica e inorganica
Titolo inglese Recovery and enhancement of marble processing waste as aggregates and fillers in conglomerates with organic and inorganic matrix binders
Abstract in italiano Obiettivo della presente tesi, in accordo con le esigenze produttive dell’azienda Senamarmi S.r.l., è stato realizzare nuovi materiali che potessero dare una seconda vita agli scarti di lavorazione presenti in grandi quantità nella sede aziendale. Il marmo è un materiale non rinnovabile, pertanto l'attenzione della ricerca è stata posta sulla generazione di concetti di design che contemplassero soluzioni creative per i rifiuti generati durante il processo di produzione e che, inoltre, consentissero un'estensione del ciclo di vita del prodotto e del materiale. I materiali offerti dall’azienda sono fanghi e pezzami di varie tipologie di marmo. Dai fanghi opportunamente trattati, sono state recuperate polveri da utilizzare come filler, i pezzami invece, saranno ottenuti tramite un mulino meccanico che permette di ottenere differente dimensioni granulometriche a seconda delle necessità. In questo specifico studio, non avendo ancora a disposizione pezzami di marmo a granulometrie idonee, il pezzame è stato sostituito temporaneamente da aggregati di carbonato di calcio (CaCO3 > 98%), materiale con caratteristiche confrontabili a quelle del marmo utilizzato in azienda. Gli scarti di lavorazione sono stati utilizzati per la creazione di miscele a base di leganti organici (resine) e inorganici (cemento). Importante è stata la valutazione, per entrambi i casi, del giusto quantitativo di filler e aggregati all’interno dell’impasto, delle dimensioni ideali degli aggregati, il giusto rapporto scarti e legante. Sono state inoltre valutate tre importanti caratteristiche: lavorabilità, fluidità dell’impasto, prestazioni meccaniche ed estetica finale. I materiali ottenuti dovranno essere idonei ad ambienti interni ed esterni, per la realizzazione di top cucina, lavelli, elementi di arredo, superfici di rivestimento, sedute etc. Questi riferimenti hanno influenzato la sperimentazione, in particolare nel presente studio i campioni realizzati fanno riferimento ad un possibile utilizzo come piani e top cucina con spessori dai 2 ai 4 cm.
Relatore TITTARELLI, FRANCESCA
Controrelatore MOBILI, ALESSANDRA
SASSO, MARCO
Appare nelle tipologie: Laurea specialistica, magistrale, ciclo unico
File in questo prodotto:
File Descrizione Dimensione Formato  
Tesi_Medici Cecilia.pdf   fino a2026-02-16 Documento PDF/A della Tesi di Medici Cecilia 20.57 MB Adobe PDF
Frontespizio_Medici Cecilia.pdf   fino a2026-02-16 Documento PDF/A del frontespizio firmato da docenti e laureanda Medici Cecilia 579.01 kB Adobe PDF

I documenti in UNITESI sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12075/2633