Problem. Lost and neglected care of patients by nurses can lead to negative outcomes. Among these negative outcomes, we have seen that the highest percentage of basic care that is lost concerns skin care and patient mobilization leading to the formation of pressure injuries. This lack of care is present within healthcare settings and is an indicator of the quality of care offered [1]. This phenomenon has resulted from various problems, lack of staff, lack of training, lack of time, lack of knowledge, insufficient equipment and lack of communication. Lost care has a double negative side, both towards patients (increased mortality, infections, falls, prolonged hospital stay, injuries, adverse events, patient dissatisfaction and increased pain) and towards health care workers (work dissatisfaction, abandonment of work) [2]. It is the nurse's task to prevent all this in order to avoid pressure injuries. Objective. The goal is how missed nursing care affects pressure injuries significantly. Materials and Methods. The research was conducted through Pub-Med, Mesh, CINAHL, Scholar Google and NCBI (PMC). Results. The results showed that the majority of the omissions committed concern: Skin care for 38.5%. The recording of factors predisposing the development of pressure injuries 3.5% . The change of patient position every two hours and the discharge and instruction plan 31.1% [1]. In addition, the negative attitude of the nurses towards the lesions due : To the workload and inadequate staff 83.1% , The lack of resources and equipment 67.7% , Inadequate training on injury prevention 63.2%, Lack of job satisfaction 56.2%, The presence of priorities other than injuries 58.7% and finally the lack of universal guidelines 59.3% [2]. Conclusions. Injuries are real problems despite efforts to improve, their onset is not reducing. Nurses should intervene before their onset by increasing prevention and health education. Keywords used are: nursing, nursing care missed, pressure injuries, patient satisfaction, back to the Basic and fundamental care.

Problema. Le cure perse e tralasciate dagli infermieri nei confronti dei pazienti possono far insorgere esiti negativi. Tra questi esiti negativi, abbiamo visto che la percentuale maggiore di assistenza di base che viene persa riguarda la cura della pelle e la mobilizzazione del paziente portando alla formazione di lesioni da pressione. Questa carenza di cure è presente all’interno delle realtà sanitarie e rappresenta un indicatore della qualità di cure offerte [1]. Tale fenomeno è scaturito da varie problematiche, la carenza di personale, la mancanza di formazione, la mancanza di tempo, la mancanza di conoscenza , le attrezzature insufficienti e la mancanza di comunicazione. Le cure perse, hanno un duplice risvolto negativo, sia nei confronti dei pazienti ( maggiore mortalità , infezioni, cadute, degenza ospedaliera prolungata ,lesioni , eventi avversi ,insoddisfazione del paziente e maggiore dolore) che nei confronti degli operatori sanitari (insoddisfazione lavorativa, abbandono del lavoro)[2]. Compito dell’infermiere è prevenire tutto questo per evitare che si formino lesioni da pressione. Obiettivo. L’obiettivo è come l’assistenza infermieristica mancata influisca sulle lesioni da pressione in maniera significativa. Materiali e Metodi. La ricerca è stata condotta attraverso Pub-Med, Mesh, CINAHL, Scholar Google e NCBI (PMC). Risultati. Dai risultati è emerso che la maggior parte delle omissioni commesse riguardano: La cura della pelle per il 38,5%. La registrazione dei fattori predisponenti lo sviluppo di lesioni da pressione il 3,5% . Il cambiamento della posizione del paziente ogni due ore e il piano di dimissione e d’istruzione 31,1% [1]. Inoltre un dato da tenere in considerazione è l’atteggiamento negativo degli infermieri nei confronti delle lesioni dovuto : Al carico di lavoro e al personale inadeguato 83,1% , La carenza di risorse e attrezzature il 67,7% , La formazione inadeguata sulla prevenzione delle lesioni il 63,2%, La mancanza di soddisfazione sul lavoro il 56,2%, La presenza di priorità diverse da lesioni il 58,7% e infine la mancanza di linee guida universali il 59,3% [2]. Conclusioni. Le lesioni sono delle problematiche effettive nonostante si cerchi di migliorare , la loro insorgenza non si sta riducendo . Gli infermieri dovrebbero intervenire prima della loro insorgenza , aumentando la prevenzione a riguardo , l’educazione sanitaria . Parole chiavi utilizzate sono : infermieristica, assistenza infermieristica mancata , lesioni da pressione , soddisfazione del paziente , back to the Basic e le fundamental care .

Le lesioni da pressione correlate al missed nursing care . Una revisione della letteratura

FORGIONE, PRISCILLA
2019/2020

Abstract

Problem. Lost and neglected care of patients by nurses can lead to negative outcomes. Among these negative outcomes, we have seen that the highest percentage of basic care that is lost concerns skin care and patient mobilization leading to the formation of pressure injuries. This lack of care is present within healthcare settings and is an indicator of the quality of care offered [1]. This phenomenon has resulted from various problems, lack of staff, lack of training, lack of time, lack of knowledge, insufficient equipment and lack of communication. Lost care has a double negative side, both towards patients (increased mortality, infections, falls, prolonged hospital stay, injuries, adverse events, patient dissatisfaction and increased pain) and towards health care workers (work dissatisfaction, abandonment of work) [2]. It is the nurse's task to prevent all this in order to avoid pressure injuries. Objective. The goal is how missed nursing care affects pressure injuries significantly. Materials and Methods. The research was conducted through Pub-Med, Mesh, CINAHL, Scholar Google and NCBI (PMC). Results. The results showed that the majority of the omissions committed concern: Skin care for 38.5%. The recording of factors predisposing the development of pressure injuries 3.5% . The change of patient position every two hours and the discharge and instruction plan 31.1% [1]. In addition, the negative attitude of the nurses towards the lesions due : To the workload and inadequate staff 83.1% , The lack of resources and equipment 67.7% , Inadequate training on injury prevention 63.2%, Lack of job satisfaction 56.2%, The presence of priorities other than injuries 58.7% and finally the lack of universal guidelines 59.3% [2]. Conclusions. Injuries are real problems despite efforts to improve, their onset is not reducing. Nurses should intervene before their onset by increasing prevention and health education. Keywords used are: nursing, nursing care missed, pressure injuries, patient satisfaction, back to the Basic and fundamental care.
2019
2020-11-26
Pressure lesions related to missed nursing care. A literature review
Problema. Le cure perse e tralasciate dagli infermieri nei confronti dei pazienti possono far insorgere esiti negativi. Tra questi esiti negativi, abbiamo visto che la percentuale maggiore di assistenza di base che viene persa riguarda la cura della pelle e la mobilizzazione del paziente portando alla formazione di lesioni da pressione. Questa carenza di cure è presente all’interno delle realtà sanitarie e rappresenta un indicatore della qualità di cure offerte [1]. Tale fenomeno è scaturito da varie problematiche, la carenza di personale, la mancanza di formazione, la mancanza di tempo, la mancanza di conoscenza , le attrezzature insufficienti e la mancanza di comunicazione. Le cure perse, hanno un duplice risvolto negativo, sia nei confronti dei pazienti ( maggiore mortalità , infezioni, cadute, degenza ospedaliera prolungata ,lesioni , eventi avversi ,insoddisfazione del paziente e maggiore dolore) che nei confronti degli operatori sanitari (insoddisfazione lavorativa, abbandono del lavoro)[2]. Compito dell’infermiere è prevenire tutto questo per evitare che si formino lesioni da pressione. Obiettivo. L’obiettivo è come l’assistenza infermieristica mancata influisca sulle lesioni da pressione in maniera significativa. Materiali e Metodi. La ricerca è stata condotta attraverso Pub-Med, Mesh, CINAHL, Scholar Google e NCBI (PMC). Risultati. Dai risultati è emerso che la maggior parte delle omissioni commesse riguardano: La cura della pelle per il 38,5%. La registrazione dei fattori predisponenti lo sviluppo di lesioni da pressione il 3,5% . Il cambiamento della posizione del paziente ogni due ore e il piano di dimissione e d’istruzione 31,1% [1]. Inoltre un dato da tenere in considerazione è l’atteggiamento negativo degli infermieri nei confronti delle lesioni dovuto : Al carico di lavoro e al personale inadeguato 83,1% , La carenza di risorse e attrezzature il 67,7% , La formazione inadeguata sulla prevenzione delle lesioni il 63,2%, La mancanza di soddisfazione sul lavoro il 56,2%, La presenza di priorità diverse da lesioni il 58,7% e infine la mancanza di linee guida universali il 59,3% [2]. Conclusioni. Le lesioni sono delle problematiche effettive nonostante si cerchi di migliorare , la loro insorgenza non si sta riducendo . Gli infermieri dovrebbero intervenire prima della loro insorgenza , aumentando la prevenzione a riguardo , l’educazione sanitaria . Parole chiavi utilizzate sono : infermieristica, assistenza infermieristica mancata , lesioni da pressione , soddisfazione del paziente , back to the Basic e le fundamental care .
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
tesi priscilla forgione originale pdf_A.pdf

embargo fino al 25/11/2023

Dimensione 316.58 kB
Formato Adobe PDF
316.58 kB Adobe PDF

I documenti in UNITESI sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12075/4089