Studente CELISLAMI, CATERINA
Facoltà/Dipartimento Dipartimento Scienze Biomediche e Sanita' Pubblica
Corso di studio Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
Anno Accademico 2019
Data dell'esame finale 2020-11-28
Titolo italiano IL CODICE ROSA: UNA PANORAMICA SUI CASI DI VIOLENZA AFFERITI AI PRONTO SOCCORSO DELL’AREA VASTA 5
Titolo inglese Violence coding in emergency department: an overview of the cases related to the emergency department of the Area Vasta 5
Abstract in italiano Introduzione: Il Codice Rosa è un codice di accesso al Pronto Soccorso riservato a tutte le vittime di violenza, in particolare donne, bambini, anziani e persone discriminate. Tale codice è gestito dal personale sociosanitario, magistrati, forze dell’ordine e si realizza con l’attivazione di un percorso di accoglienza protetto, attraverso il quale vengono garantite la privacy e l’incolumità fisica e psichica della persona. L’attivazione del Codice Rosa in Area Vasta 5 nel Pronto Soccorso di San Benedetto del Tronto e di Ascoli Piceno è avvenuta a febbraio 2019. Obiettivo: L’obiettivo del presente elaborato è quello indagare la prevalenza degli accessi con Codice Rosa nei servizi di Pronto Soccorso dei due nosocomi dell’AV5, San Benedetto del Tronto e Ascoli Piceno, ed individuare le cause e i fattori principali che inducono le persone vittime di violenza ad afferire a tale servizio. Materiali e metodi: Lo studio effettuato è un’indagine osservazionale-descrittiva. La raccolta dati è avvenuta nelle Unità Operative di Pronto Soccorso di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto, attraverso la consultazione delle cartelle cliniche e infermieristiche delle persone a cui è stato assegnato il Codice Rosa nel periodo di tempo che va dal 1° febbraio al 3 ottobre. Per ogni cartella sono stati valutati: i dati anagrafici dei pazienti, tipologia di violenza subita, informazioni riguardo l’episodio di violenza e il decorso clinico. Risultati: Le rappresentazioni statistiche dei dati mostrano l’elevata incidenza delle vittime di genere femminile, dell’età media che va dai 17 ai 40 anni. Le tipologie di violenza che emergono sono: violenza fisica, violenza psicologica e violenza sessuale. All’accesso, la maggior parte dei pazienti ha presentato traumi fisici, e sintomi da trauma psicologico. Conclusioni: La violenza è un fenomeno multidimensionale e necessita, per un’adeguata presa in carico, la corretta applicazione dei Protocolli disponibili e di una formazione specializzata da parte del personale sanitario.
Relatore SIMONETTI, VALENTINA
Controrelatore ANDREUCCI, MARIDA
Appare nelle tipologie: Laurea triennale, diploma universitario
File in questo prodotto:
File Descrizione Dimensione Formato  
TESI CATERINA CELISLAMI - Definitiva (1).pdf   fino a2023-11-27 898.16 kB Adobe PDF
fronte celislami-firmato.pdf   fino a2023-11-27 67.09 kB Adobe PDF

I documenti in UNITESI sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12075/4138