Studente BONTEMPI, ANDREA
Facoltà/Dipartimento Dipartimento Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche
Corso di studio INGEGNERIA MECCANICA
Anno Accademico 2019
Data dell'esame finale 2021-02-23
Titolo italiano NUOVI PARADIGMI PER LA FRUIZIONE DELL’ARTE CON TECNOLOGIE DI SPATIAL AUGMENTED REALITY: IL CASO DEL PALAZZO DUCALE DI URBINO
Titolo inglese NEW PARADIGMS FOR THE ENJOYMENT OF ART WITH SPATIAL AUGMENTED REALITY TECHNOLOGIES: THE CASE OF THE DUCAL PALACE IN URBINO
Abstract in italiano Fra i numerosi campi di applicazione delle tecnologie digitali e delle ricostruzioni virtuali, particolarmente interessante è quello relativo al potenziamento della comunicazione museale. L'approccio narrativo, che risulta essere realmente in grado di suscitare un forte interesse del pubblico, viene combinato con le tecnologie digitali, che costituiscono un efficace elemento di supporto nella comunicazione. Lo scopo principale di questa sperimentazione è quello di raccontare una storia agli utenti per rendere divertente e, allo stesso tempo formativa, l’esperienza museale; essendo, l’attività didattica, considerata come parte integrante del ruolo ricoperto dal museo. Al suo interno occorre dunque predisporre spazi per favorire, con dibattiti, confronti, sperimentazioni e digitalizzazione, un incontro stimolante. Nello specifico si è preso in esame una parte dello Studiolo del Duca Federico da Montefeltro (1422-1482), senza dubbio il luogo più suggestivo dell'intero Palazzo Ducale di Urbino. Negli splendidi intarsi prospettici dello Studiolo si possono, infatti, ammirare i più antichi strumenti scientifici che la storia di Urbino abbia mai registrato. Due narrazioni sono state proposte: una per l’utente adulto, una per l’utente bambino. Queste due narrazioni hanno struttura, contenuti e protagonisti comuni, ma si sviluppano in maniera diversa quanto a modalità di narrazione. Motore del racconto sono dei “points of interest”, punti d’interesse, immagini rappresentate nelle tarsie lignee, che attraverso l’animazione diventano portavoce di un pezzo di storia e accompagnano nel racconto.
Abstract in inglese Among the numerous fields of application of digital technologies and virtual reconstructions, particularly interesting is the one related to the strengthening of museum communication. The narrative approach, which is really able to arouse the interest of the public, is combined with digital technologies, which are an effective element of support in communication. The main purpose of this experimentation is to tell a story to the users in order to make the museum experience fun and, at the same time, educational; being, the educational activity, considered as an integral part of the role played by the museum. It is there fore necessary to create spaces with in the museum to encourage, with debates, comparisons, experimentation and digitalization, a stimulating encounter. Specifically, we examined a part of the Studiolo of Duke Federico of Montefeltro (1422-1482), undoubtedly the most suggestive place of the entire Ducal Palace in Urbino. In the splendid perspective inlays of the Studiolo you can, in fact, the oldest scientific instruments that the history of Urbino has ever recorded. Two narrations have been proposed: one for adults and one for children. These two narrations have a common structure, contents and protagonists, but they develop in a different way as far as narration modalities are concerned. Engine of the of the story are the "points of interest", the images represented in the wooden inlays, which through animation become the spokesman of a piece ofstory and accompany the story.
Relatore MENGONI, MAURA
Controrelatore LEOPARDI, ALMA
Appare nelle tipologie: Laurea specialistica, magistrale, ciclo unico
File in questo prodotto:
File Descrizione Dimensione Formato  
Tesi Andrea Bontempi.pdf   fino a2023-02-23 Tesi di Laurea Magistrale Andrea Bontempi 3.45 MB Adobe PDF
Frontespizio Andrea Bontempi.pdf   fino a2023-02-23 Frontespizio Tesi Andrea Bontempi 352.89 kB Adobe PDF

I documenti in UNITESI sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12075/4265