Studente SEQUENZA, MONICA
Facoltà/Dipartimento Dipartimento Ingegneria dell'Informazione
Corso di studio INGEGNERIA BIOMEDICA
Anno Accademico 2020
Data dell'esame finale 2022-02-24
Titolo italiano Modelli farmacocinetici e farmacodinamici per l'insulina inalata
Titolo inglese Pharmacokinetic and pharmacodynamic models for inhaled insulin
Abstract in italiano Nel corso degli ultimi anni innumerevoli studi hanno avuto interesse nella ricerca di metodi alternativi e meno invasivi per la somministrazione di insulina nei pazienti affetti da diabete. L’utilizzo di insulina somministrata per via inalatoria permette di rendere l’assunzione del farmaco meno invasiva, rispetto al tradizionale metodo di somministrazione per via endovenosa o sottocutanea. I pazienti a cui è diagnosticato diabete di tipo 1 o di tipo 2, devono monitorare il valore glicemico e se necessario assumere insulina per ritornare ad un valore di glicemia normale. L’analisi dell’insulina somministrata per via inalatoria è svolta tramite la discussione di tre modelli farmacocinetici/farmacodinamici presenti in letteratura, due modelli sono stati ricavati tramite clamp euglicemico e un modello in silico. Nel primo studio, tramite lo studio di clamp euglicemico svolto su pazienti sani e pazienti con diabete di tipo 1, a cui è stata somministrata insulina inalata e insulina per via sottocutanea, stimando la velocità di infusione del glucosio è stato confermato che l’insulina inalata ha un’azione paragonabile all’insulina ad azione rapida sottocutanea. Nel secondo studio è stato analizzato un modello matematico che descrive il comportamento dose-risposta dell’organismo tramite uno studio di clamp euglicemico, a seguito di somministrazione di insulina inalata e insulina per via sottocutanea. In questo modo è possibile osservare il completo effetto farmacodinamico dell’insulina nell’organismo, in un intervallo di osservazione di circa 20 ore. Nel terzo studio, un modello in silico permette di analizzare gli effetti dell’insulina inalata somministrata in dosi variabili su una popolazione diversificata, in modo da capire il giusto dosaggio e la tempistica corretta di somministrazione, per ottenere la concentrazione massima di insulina a livello plasmatico contemporaneamente alla variazione del livello glicemico durante un pasto. Non sono stati riscontrati effetti collaterali gravi in pazienti senza particolari patologie sottoposti a trattamento con insulina inalata, dimostrato, è stato dimostrato che l’assorbimento di insulina a livello polmonare non provoca danni non reversibili all’apparato respiratorio
Relatore MORETTINI, MICAELA
Controrelatore BURATTINI, LAURA
Appare nelle tipologie: Laurea triennale, diploma universitario
File in questo prodotto:
File Descrizione Dimensione Formato  
Tesi Monica Sequenza.pdf   Accesso riservato 1.06 MB Adobe PDF
Frontespizio (1).pdf   Accesso riservato 230.89 kB Adobe PDF

I documenti in UNITESI sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12075/8104