Studente RIDOLFI, DANILO
Facoltà/Dipartimento Dipartimento Medicina Sperimentale e Clinica
Corso di studio FISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA)
Anno Accademico 2020
Data dell'esame finale 2021-11-17
Titolo italiano EFFICACIA DI UN APPROCCIO INTEGRATO CON NORDIC WALKING NEL LINFEDEMA SECONDARIO DELL’ARTO SUPERIORE STUDIO LONGITUDINALE CONTROLLATO CROSSOVER
Titolo inglese EFFECTIVENESS OF AN INTEGRATED APPROACH WITH NORDIC WALKING IN THE SECONDARY LYMPHEDEMA OF THE UPPER LIMB CROSSOVER CONTROLLED LONGITUDINAL STUDY
Abstract in italiano Il linfedema secondario all’arto superiore è una patologia che richiede un trattamento costante nel tempo per scongiurare il rischio di un peggioramento e ridurre le problematiche e disabilità ad essa collegate. La ricerca di terapie sempre più efficaci e di facile accesso è determinante per migliorare la qualità di vita e ridurre i costi per il sistema sanitario nazionale. Questo studio ha valutato l’efficacia di un protocollo integrato, formato da fisioterapia e attività fisica, per verificare nella riduzione dell’edema quale trattamento fosse più vantaggioso e quale combinazione temporale dei due fosse più proficua. I trattamenti proposti sono stati per la fisioterapia il Linfodrenaggio e bendaggio compressivo multistrato (LDM+B) e per l’attività fisica il Nordic Walking (NW). La popolazione dello studio era di 12 pazienti donne operate di tumore al seno e con diagnosi di linfedema secondario all’arto superiore. Sono state suddivise in quattro gruppi da tre pazienti l’uno. Il protocollo prevedeva otto sedute del trattamento 1, un mese di pausa, otto sedute del trattamento 2. Due gruppi hanno ricevuto il protocollo Alfa, prima LDM+B e dopo un mese NW, gli altri due gruppi il protocollo Beta, prima NW e dopo un mese LDM+B. Entrambe le terapie analizzate singolarmente hanno avuto risultati positivi sulla gestione del linfedema: la fisioterapia si è rivelata più proficua nella riduzione dell’edema rispetto il Nordic Walking che ha ottenuto comunque risultati positivi. Per le terapie in progressione, il protocollo Alfa, NW e dopo un mese LDM+B, è quello che ha fornito i migliori risultati nella riduzione dell’edema. Le analisi della qualità di vita indicano che singolarmente il NW ha ottenuto in media migliori risultati del LDM+B, mentre nella combinazione di trattamenti i migliori risultati sono stati per il protocollo Alfa con prima LDM+B e poi NW. Nel mese di pausa il NW ha registrato un mantenimento dei risultati migliore del trattamento LDM+B seppur con una evidenza debole. Le condizioni climatiche, temperatura, pressione atmosferica e umidità, dei tre giorni prima del trattamento fisioterapico LDM+B non hanno influito sui risultati del trattamento stesso confermando quanto riportato in letteratura. I trattamenti sono stati proficui e con le dovute eccezioni, si sono rivelate simili nei risultati con una propensione a consigliare, in una progressione ideale, prima l’attività fisica della fisioterapia e specificatamente: Nordic Walking, un mese di pausa, linfodrenaggio e bendaggio compressivo multistrato. Il Nordic Walking ha evidenziato di essere una terapia decongestionante efficace che può essere svolto in autonomia, che può migliorare la qualità di vita più della fisioterapia e garantire una riduzione notevole dei costi per le strutture ospedaliere in termini sia di personale sanitario impegnato che di ambienti e materiali utilizzati.
Abstract in inglese Secondary lymphedema of the upper limb is a disease that requires constant treatment over time to avoid the risk of worsening and reduce the problems and disabilities associated with it. The search for increasingly effective and easily accessible therapies is crucial for improving the quality of life and reducing costs for the national health system. This study evaluated the effectiveness of an integrated protocol, consisting of physiotherapy and physical activity, to verify in the reduction of edema which treatment was more advantageous and which temporal combination of the two was more profitable. The treatments proposed were Lymphatic drainage and multilayer compression bandage (LDM + B) for physiotherapy and Nordic Walking (NW) for physical activity. The study population was 12 women patients operated on for breast cancer and diagnosed with secondary lymphedema in the upper limb. They were divided into four groups of three patients each. The protocol included eight sessions of treatment 1, one month off, eight sessions of treatment 2. Two groups received the Alpha protocol, first LDM + B and after one month NW, the other two groups the Beta protocol, first NW and after one month LDM + B. Both therapies analyzed individually had positive results in the management of lymphedema: physiotherapy proved to be more profitable in reducing edema than Nordic Walking, which still obtained positive results. For therapies in progress, the protocol Alpha, NW and after one month LDM + B, is the one that has provided the best results in reducing edema. The quality of life analyzes indicate that singly the NW obtained on average better results than the LDM + B, while in the combination of treatments the best results were for the Alpha protocol with first LDM + B and then NW. In the month off, the NW recorded a better maintenance of the LDM + B treatment results albeit with weak evidence. The climatic conditions, temperature, atmospheric pressure and humidity of the three days before the LDM + B physiotherapy treatment did not affect the results of the treatment, confirming what is reported in the literature. The treatments were profitable and with the due exceptions, they proved to be similar in the results with a propensity to recommend, in an ideal progression, first physical activity of physiotherapy and specifically: Nordic Walking, a month's break, lymphatic drainage and compression bandage multilayer. Nordic Walking has shown that it is an effective decongestant therapy that can be carried out independently, which can improve the quality of life more than physiotherapy and guarantee a significant reduction in costs for hospitals in terms of both healthcare personnel and environments and used materials.
Relatore CENSI, GIOVANNA
Controrelatore BOMPREZZI, ANNA
Appare nelle tipologie: Laurea triennale, diploma universitario
File in questo prodotto:
File Descrizione Dimensione Formato  
Frontespizio Tesi Danilo Ridolfi S1099782 PdfA.pdf   fino a2024-11-16 Frontespizio firmato dal Relatore Prof.ssa Giovanna Censi, Correlatore Dott.ssa Anna Bomprezzi e studente Danilo Ridolfi 562.09 kB Adobe PDF
TESI Danilo Ridolfi S1099782 pdfA.pdf   fino a2024-11-16 Tesi Danilo Ridolfi 3.19 MB Adobe PDF

I documenti in UNITESI sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12075/896