Studente STORARI, ANNALISA
Facoltà/Dipartimento Dipartimento Scienze della Vita e dell'Ambiente
Corso di studio BIOLOGIA MARINA
Anno Accademico 2019
Data dell'esame finale 2021-02-23
Titolo italiano SVILUPPO DI UN INDICE PER LA VALUTAZIONE DELL'IMPATTO MECCANICO SULLA COMUNITÀ BENTONICA DEL CORALLIGENO
Titolo inglese DEVELOPMENT OF AN INDEX FOR THE EVALUATION OF THE PHYSICAL IMPACT ON THE BENTHIC COMMUNITIES OF THE CORALLIGENOUS HABITAT
Abstract in italiano L’attività subacquea ricreativa è in rapida crescita e uno degli ambienti marini di maggiore attrazione è l’habitat del coralligeno. Essendo un habitat caratterizzato da una comunità fragile e a crescita lenta è particolarmente vulnerabile all’impatto antropico. Il controllo del potenziale impatto meccanico sulla comunità bentonica è di fondamentale importanza per preservare la grande biodiversità di questo ecosistema. Negli ultimi anni sono stati sviluppati diversi metodi e indici per valutare l’impatto antropico sulla comunità del coralligeno. Tuttavia, spesso si tratta di metodi di difficile applicazione, che richiedono persone esperte nel settore. Lo scopo principale di questo studio è l’elaborazione di un indice di semplice applicazione per stimare l’impatto fisico sulla comunità bentonica del coralligeno considerando tre canyon sommersi nel nord est della Sardegna come caso di studio. L’indice è stato sviluppato considerando la caratterizzazione della comunità bentonica potenzialmente affetta dall’impatto meccanico, attribuendo diversi valori a fattori di vulnerabilità, come il grado di esposizione o l’elevazione dal substrato, di organismi target (Corallium rubrum, Myriapora truncata, Eunicella cavolini, Eunicella singularis, spugne erette e serpulidi). La comunità di specie erette presente lungo le pareti dei canyon è stata comparata con la componente biogenica dei sedimenti raccolti alla base dei canyon, per verificare se i frammenti ritrovati nei sedimenti riflettessero la composizione della comunità di organismi calcarei in parete. Lo studio è stato condotto in tre diversi canyon, facenti parte di tre siti di immersione. L’analisi è stata fatta tramite un semplice disegno di campionamento che include: photographic sampling, video-survey e il sorting dei sedimenti raccolti. L’indice ha rivelato un impatto attuale ridotto, che è stato confermato dall’analisi dei sedimenti che non hanno presentato frammenti freschi e recenti. Tuttavia, la presenza di diversi taxa di briozoi all’interno del detrito, assenti in parete, ha dimostrato un elevato impatto meccanico passato, essendo tra gli organismi più fragili caratterizzanti la comunità bentonica. La riduzione dell’impatto attuale può essere stata dovuta all’aumento dell’istruzione dei subacquei grazie a briefing più accurati prima delle immersioni, e alla contemporanea diminuzione della frequentazione dei siti di immersione. La diminuzione dei visitatori è evidente specialmente nell’ultimo anno (2020), a causa della pandemia di COVID-19 e delle conseguenti restrizioni del turismo. Il metodo illustrato, che include la caratterizzazione della comunità delle pareti e l’analisi dei sedimenti, permetterà di registrare eventuali variazioni nella comunità bentonica a lungo termine, e aiuterà nella valutazione del possibile impatto meccanico.
Abstract in inglese Recreational scuba diving is a rapidly growing activity and the coralligenous habitats are among the most attractive seascapes. Coralligenous outcrop is characterized by a fragile and slow-growing community, making this habitat particularly sensitive to the anthropic impact. The control of the potential mechanical impact on the benthic community is fundamental to preserve the great biodiversity of this ecosystem. In recent years, several methods, and indices to assess the status of the coralligenous habitats have been developed. However, the application of these methods is often difficult and requires expert people. Main objective of this study is to develop an easy-to-apply index to estimate physical impacts on the benthic coralligenous assemblages considering three submerged canyons in the north-east of Sardinia as case study. The index has been developed characterizing the benthic community living along the walls of the canyons potentially affected by mechanical impact, attributing different values to vulnerability factors, such as exposure degree or elevation from the substate, of target organisms (Corallium rubrum, Myriapora truncata, Eunicella cavolini, Eunicella singularis, erect sponges and serpulids). The walls’ assemblages were compared with the biogenic component of sediments collected at the base of the canyons, in order to verify whether the fragments found in the sediments reflected the species composition of skeletal calcareous organisms living on the walls. The study has been conducted in three different canyons, in three diving sites. The analysis has been done through an easy sampling design, including photographic sampling, video-survey, and sorting of the collected sediment. The index revealed a reduced recent impact. This is confirmed by the analysis of sediments, which did not reveal fresh and recent fragments. However, the presence of different taxa of bryozoans in the collected detritus, absent in the walls’ assemblages, have been evidenced an elevated mechanical impact in the past. In fact, bryozoans are among the most fragile species characterizing the benthic community. The low impact at present can be due to the higher education of the divers, thanks to more accurate briefing before the dive, and at the same time to the decreasing of the frequentation of the dive sites. The decreasing in the number of visitors is mainly evident in the last year (2020), attributable to the COVID-19 pandemic and the consequent restrictions of the tourism flux. The method above mentioned, including the characterization of the walls’ assemblages and the analysis of collected sediments, will allow to record eventual variations in the benthic community at long-terms, and will help to assess the potential mechanical impact.
Relatore DI CAMILLO, CRISTINA
Controrelatore CALCINAI, BARBARA
CERRANO, CARLO
Appare nelle tipologie: Laurea specialistica, magistrale, ciclo unico
File in questo prodotto:
File Descrizione Dimensione Formato  
tesi Annalisa Storari.pdf   fino a2023-02-23 1.66 MB Adobe PDF
FRONTESPIZIO signed.pdf   fino a2023-02-23 794.75 kB Adobe PDF

I documenti in UNITESI sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12075/4471